scopriamone le proprietà, i valori nutrizionali e le controindicazioni. Che c’è di meglio di mangiare un po’ di verdure, specialmente per contribuire ad idratare il nostro corpo e per avere a disposizione un mix assicurato di sostanze nutritive varie? I broccoli in particolare fanno bene, perché sono ricchi di antiossidanti, che aiutano la salute del cuore, il fegato e la pelle. Le proprietà dei broccoli sono dovute principalmente all’elevato contenuto di vitamina C. Quest’ultima riesce a proteggere dal danno ossidativo e quindi mantiene in buona salute le arterie, evitando che al loro interno si accumulino placche, con il rischio di incorrere nell’ictus o nell’infarto. I cavoli proteggono dalle malattie cardiovascolari e contribuiscono alla funzionalità delle arterie, perché sono ricchi di sulforafano, un antiossidante che mette in atto un’azione antiaggregante delle piastrine e quindi regola la pressione arteriosa. Gli antiossidanti, di cui abbondano questi ortaggi, riescono a svolgere un ruolo di prim’ordine nella prevenzione del cancro, perché agiscono contro l’invecchiamento cellulare provocato dai radicali liberi. Inoltre sono capaci di stimolare in maniera efficiente il sistema immunitario. I broccoli contengono anche vitamina A, da cui deriva la formazione del retinolo e del collagene, elementi fondamentali per mantenere elastica la pelle e per evitare le rughe. ALTRI AMICI nostri e di BRACCIODIFERRO! sono gli SPINACI! quali le proprietà, i valori nutrizionali e le controindicazioni? Questa verdura è ricca di benefici: abbonda di ferro, di vitamina A, di vitamina C, riesce a proteggere la vista, apporta vantaggi al sistema immunitario e si rivela efficace in caso di stitichezza. Non dovrebbe mai mancare nella nostra alimentazione, perché contribuisce al benessere generale dell’organismo. Scopriamo più nei dettagli tutte le proprietà benefiche degli spinaci. 

Le proprietà

Gli spinaci contengono ferro. Tuttavia bisogna specificare che, perché l’organismo lo possa assorbire in maniera adeguata, è essenziale che sia a disposizione una certa quantità di vitamina C. Ecco perché è consigliabile mangiare gli spinaci conditi con il limone, se soffriamo di carenza di ferro e vogliamo mangiare qualcosa per combattere l’anemia. Queste verdure abbondano anche di nitrato, una sostanza che, specialmente ultimamente, la ricerca scientifica sta prendendo in grande considerazione, perché sembra che aiuti ad aumentare la forza dei muscoli. Inoltre gli spinaci sarebbero utili anche contro il diabete. Ricchi di fibre, sono utili in caso di stitichezza e, grazie alla luteina, riescono a badare alla salute della retina e quindi a quella degli occhi in generale. L’acido folico (altra sostanza presente in quantità elevate negli spinaci) riesce ad apportare molti benefici al sistema immunitario, rendendolo più forte; inoltre aiuta l’organismo nella produzione dei globuli rossi. Si dovrebbe evitare la cottura degli spinaci, meglio mangiarli in insalata con olio e sale, perché, se vengono lessati, perdono circa la metà delle loro proprietà.

I valori nutrizionali

Chi vuole prendere in considerazione i valori nutrizionali degli spinaci, non può non considerare il loro alto contenuto di vitamina A e di vitamina C. Ma non sono solo queste che troviamo nei vegetali in questione, visto che abbondano anche la vitamina B, D, F, PP e K. Non trascurabili sono i sali minerali, come il potassio, il calcio e il fosforo. Gli spinaci sono composti per la maggior parte da acqua, che corrisponde a circa 90 grammi in 100 grammi di prodotto. Il resto, in quantità minore, è costituito da fibre (2 grammi), proteine (3,4 grammi), grassi (0,7 grammi) e carboidrati (3 grammi). 

Le controindicazioni

Le controindicazioni degli spinaci sono limitate. L’ortaggio dovrebbe essere evitato da chi ha problemi di calcoli renali, da coloro che soffrono di osteoporosi e dai pazienti che devono guarire da fratture ossee. La ricerca scientifica è, infatti, riuscita a dimostrare come l’acido ossalico, contenuto negli spinaci, non solo può essere responsabile della formazione dei calcoli, ma può influire negativamente sull’assorbimento del calcio. 

Da @claudiocasieriperamicidicuore

Ridimensiona i Font
Contrasto