La Farina – Pane, panini, pasta, impasti di ogni tipo, grissini e brioche, la farina bianchissima è ovunque. Quando mangiamo uno di questi alimenti, nel nostro organismo si forma una massa glutinosa che si muove lentamente e causa sonnolenza, costipazione, difficoltà digestive in genere se INGERITA IN ECCESSO. Terzo Veleno Bianco: La Farina Bianca !!! Il terzo veleno è rappresentato da tutti quegli alimenti che contengono la farina bianca come: pane, panini, pasta, impasti di ogni tipo, grissini e brioche, merendine. Nel libro di Barry Sears “La Zona” l’autore spiega che il corpo non è bravissimo a scomporre prodotti a base di farina bianca e questo perché non si è ancora adattato a questa invenzione moderna (anni 50’) rispetto ai migliaia di anni di evoluzione. Quando introduciamo nella nostra alimentazione uno di questi alimenti formiamo una massa glutinosa che si muove lentamente attraverso il sistema digerente causando sonnolenza e costipazione. Basterebbe assumere prodotti integrali che, non solo soddisfano il tuo appetito, ma contengono grandi quantità vitamine, minerali e proteine nobili recandoti un senso di soddisfazione ed appagamento senza quella fastidiosa pesantezza a fine pasto. (E madonna che ho mangiato? …. trecento grammi di pasta bianchissima che sembra lavata con DIXAN!). Sapevate che l’eccessiva macinazione della farina bianca per ottenere una consistenza fine elimina la maggior parte dei nutrienti rendendo il cibo praticamente morto? Farina zero, doppio zero, a sette zeri, ormai non si capisce più’,…..E LE FARINE DI UNA VOLTA?…rieccole finalmente ricomparse negli scaffali da BOUTIQUE, che diciamocelo, al solo vedere i prezzi ti passa la voglia di voler bene alla tua salute! Integrali, di segale, ai 27 cereali, anche qui c’è da impazzire! Da ultima la farina Kamut, un marchio registrato di proprietà di una azienda americana del MONTANA ,che poi anche qui ti viene il dubbio (grano americano? sei scemo? e gli ogm?) IL nome preserva e designa in realtà esplicitamente una particolare varietà, mai ibridata né incrociata, prodotta e garantita da agricoltura biologica dall’azienda statunitense. Insomma ce n’è per tutti i gusti, per tutte le tasche un po’ meno (ma questo è un altro discorso…) ma una cosa è purtroppo chiara: farina bianca POCA, a favore della farina integrale se possibile; digeribilissima, piena di vitamine, di minerali…..E pensare che la mia nonna e la mia mamma dicevano ai rispettivi mariti, che inizialmente gradivano poco questa moda della farina bianchissima….ma scherzi? non capisci nulla, questa E’ BUONISSIMA….. BIANCHISSIMA RAFFINATISSIMA (Ah! i favolosi anni 60 ). 

Da @claudiocasieriperamicidicuore

Ridimensiona i Font
Contrasto