Management Territoriale delle Malattie Cardiovascolari

 

a pandemia da SARS-COV-2 ha fatto riemergere la necessità di potenziare e riorganizzare la rete dell’assistenza territoriale, tanto è che ormai non si contano più gli articoli e i decreti (v.

legge n. 126 del 2020) che prevedono che le Regioni e le Province autonome debbano adottare appositi piani di riorganizzazione dei distretti e della rete assistenziale territoriale al fine di garantire l’integrazione socio-sanitaria, l’inter professionalità e la presa in carico del paziente.

 

Informazioni

La partecipazione al corso è riservata a n.100 Medici specialisti in Cardiologia, Cardiochirurgia, Continuità assistenziale, Geriatria, Igiene e Sanità Pubblica, Malattie dell’Apparato Respiratorio, Malattie Metaboliche e Diabetologia, Medicina e Chirurgia di Accettazione e di Urgenza, Medicina Generale, Medicina Interna, Medicina Legale, Radiologia, Reumatologia, Scienze dell’alimentazione e dietetica, Infermieri professionali, Psicologi e Farmacisti. I crediti ECM assegnati all’evento sono 7.

Ai fini dell’erogazione dei crediti ECM è necessario seguire tutto il corso, firmare il registro presenze in entrata ed uscita, compilare in ogni parte e restituire alla Segreteria Organizzativa le schede di registrazione e di valutazione ed il questionario di apprendimento rilasciati in sede congressuale.

È altresì necessario rispondere correttamente ad almeno il 75% delle domande poste nel questionario. Per l’iscrizione si prega di voler compilare ed inviare alla Segreteria Organizzativa la scheda di registrazione disponibile sul sito www.infocongress.it secondo le modalità ed entro i termini previsti sulla stessa.

Dove

Nicolas Hotel Bari

Quando

Venerdì 11 febbraio 2022

Crediti

7 crediti ECM

Leggi la brochure...

100% Organic

Accesso congressuale

L’accesso alla sede congressuale (secondo il dl del 23/07/21), sarà consentito solo a chi è in possesso di GREEN PASS valido secondo le disposizioni di legge, che attesta di avere effettuato il ciclo completo di vaccinazioni, di avere ricevuto almeno una dose di vaccino o di avere effettuato un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti.

Responsabile scientifico

AnnaMaria DE GIOSA

Razionale

La pandemia da SARS-COV-2 ha fatto riemergere la necessità di potenziare e riorganizzare la rete dell’assistenza territoriale, tanto è che ormai non si contano più gli articoli e i decreti (v.

legge n. 126 del 2020) che prevedono che le Regioni e le Province autonome debbano adottare appositi piani di riorganizzazione dei distretti e della rete assistenziale territoriale al fine di garantire l’integrazione socio-sanitaria, l’inter professionalità e la presa in carico del paziente. Questo ha innescato un meccanismo di rimodernamento delle strutture sanitarie territoriali che prevede un potenziamento della offerta clinica specialistica, la promozione della partecipazione attiva della rete delle associazioni degli utenti, dei familiari e del volontariato, tutto finalizzato a garantire il benessere psicologico individuale e collettivo in considerazione della crisi psico-sociale determinata dall’eccezionale situazione causata dall’epidemia da SARS-COV-2.

L’intensificarsi delle cure a livello territoriale presuppone personale sanitario aggiornato, esperto, che si integri con figure professionali specialistiche diverse e che funga da costante supporto al medico di medicina generale che rimane sempre il fulcro nella gestione del paziente sul territorio.

Come tutti gli anni scopo del congresso è quello di fornire ed intensificare le conoscenze di ogni medico su terapie innovative per una gestione ottimale del paziente cardiopatico cronico pluripatologico. In questa ottica le relazioni cercano di rispondere a quelle che sono le perplessità cliniche che più comunemente emergono nella pratica quotidiana.

Riguardo all’interazione tra figure professionali, anche valutando quello che è il disagio psicosociale che si è determinato in questo periodo di pandemia, si è ritenuto doveroso dare spazio agli specialisti psicologi e alle associazioni di volontariato che con supporto professionale gli uni e con supporto umano le altre hanno un ruolo fondamentale nella cura della malattia cronica nel territorio.